SOLVERINA SERRA SPINOLA : BIOGRAFIA DI UNA DONNA COLTA E INDIPENDENTE (VIDEO)

Prosegue il racconto delle donne di Palazzo Spinola dopo i video dedicati alle biografie di Tea e Virginia Spinola, ecco quello di Solferina Serra Spinola. Si tratta, ancora una volta, di un contributo del Gallerie Nazionali di Palazzo Spinola – Palazzo Reale di Genova alla campagna “La cultura non si ferma”, promossa dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo con l’obiettivo di far conoscere il patrimonio culturale italiano, rendendolo fruibile da casa.

Come nei precedenti filmati, anche in “Donne Spinola negli Anni Venti. Femministe inconsapevoli: Solferina Serra Spinola” sono una serie di fotografie e documenti d’epoca, conservati nell’Archivio Storico di Palazzo Spinola, a illustrare la vita della giovane aristocratica, e, con lei, il gusto del costume dell’alta società di inizio Novecento.

Solferina nasce il 24 giugno 1859, il giorno in cui fu combattuta una delle battaglie più importanti per l’unificazione italiana, quella di Solferino, appunto, tra l’esercito franco sabaudo e i francesi. Il suo nome dichiarava subito l’appartenenza della sua famiglia – i Serra – allo schieramento progressista e filo sabaudo al quale aveva aderito parte del’aristocrazia genovese. Orfana di Padre a soli 5 anni, fu cresciuta dagli zii Domenico e Orso Serra, entrambi senatori del neonato Regno, uomini aperti alle novità e decisamente anglofili, come dimostra la Villa in stile Tudor che proprio Orso fece costruire a Comago. A 17 anni Solferina sposa il marchese Ugo Spinola, produttore vinicolo nella tenuta di Ovada e azionista della società di pellame Bocciardo di Genova. La coppia si trasferì a San Michele di Pagana, costruendo la bellissima villa a picco sul mare dove fu accolta, nel 1903, anche la regina Margherita, con il fratello Tomaso.
Grazie all’intraprendenza ereditata della famiglia di origine, Solferina si impegnò in sport pionieristici e insoliti per una donna dei suoi tempi, come la bicicletta e il tennis, oltre a dedicarsi agli acquisti dei capi di abbigliamento nelle più prestigiose boutique europee.

Anche il video “Donne Spinola negli Anni Venti. Femministe inconsapevoli: Solferina Serra Spinola” così come quelli degli altri Istituti del Ministero, mostra la ricchezza del patrimonio culturale italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.