LA COLLEZIONE DEI PRINCIPI FILANTROPI SADRUDDIN AGA KHAN IN ASTA A PARIGI

Visionari e in anticipo sui tempi, il principe Sadruddin e la principessa Catherine Aga Khan sono stati i discreti mecenati di molti importanti progetti filantropici, volti a preservare i siti culturali e naturali, dai templi egizi alle Alpi.

Il prossimo 1 ottobre 2020 Christie’s presenterà la straordinaria collezione privata del principe e della principessa Sadruddin Aga Khan. Il famoso designer di interni francese Henri Samuel è stato incaricato di esporre la collezione nella loro casa di Ginevra, il castello di Bellerive.

In un periodo che abbraccia i decenni, gli Aga Khan hanno raccolto una collezione eccezionale da una varietà di culture in tutto il mondo, riflettendo la loro essenza con questa selezione incredibilmente universale ma molto personale di oggetti e capolavori affascinanti. Ogni opera d’arte dimostra l’approccio culturale aperto del collezionista, rappresentando una ricca storia culturale, con oggetti centenari, accanto a opere di artisti di spicco e pezzi commissionati ad artisti con cui la coppia ha mantenuto strette amicizie.

La vera passione per le arti che ha unito questa coppia è illustrata nella loro cura della collezione, e nei confronti e accostamenti che gli oggetti impongono agli oggetti circostanti. I mobili del XVII e XVIII secolo interagiscono con pezzi di Diego Giacometti, Claude Lalanne o Philippe Hiquily, i dipinti antichi dialogano con l’opera di Picasso, mentre i pezzi orientalisti risuonano con le opere di Isabelle de Borchgrave.

Diversi oggetti che adornavano il Castello Bellerive sottolineano l’importanza delle arti decorative classiche in questa collezione, come un paio di poltrone reali, risalenti al periodo del tardo Giorgio III (€ 20.000-40.000; illustrato a sinistra) e un arazzo gotico degli inizi del XVI secolo secolo (€ 40.000-60.000).

La coppia, che ha mantenuto strette amicizie con molti artisti, si è impegnata anche a presentare creazioni moderne nella loro collezione. Pertanto la vendita comprende una splendida coppia di candelabri in bronzo patinato e dorato di Claude Lalanne (stimati € 60.000-80.000 ciascuno), oltre a due tavoli “Ginkgo” dello stesso artista. Fanno parte della collezione anche diversi pezzi di Philippe Hiquily, come una lampada da terra creata nel 1974 (€ 4.000-6.000) e un paio di tavolini “Quille” (€ 10.000-15.000 ciascuno). Numerosi pezzi dello scultore sono inclusi sia nella vendita dal vivo che nella vendita online.

Tra i punti salienti della collezione ci sono opere di Pablo Picasso, come Guitare et compotier sur un guéridon, gouache e grafite su carta del 1929 – illustrato a sinistra (€ 180.000-220.000), accanto a un ritratto del cavallo Mahmoud IV di Sir Alfred James Munizioni (€ 200.000-300.000).

I dipinti orientalisti, come Femme orientale allongée entourée d’un lion et d’un esclave eseguiti da Henrich Faust (illustrati sotto; € 10.000-15.000), sono completati da sontuose caraffe in cristallo di Boemia, pouf abilmente rivestiti con preziosi tessuti iraniani e mobili giapponesi scelto da Henri Samuel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.